Avete mai fatto caso che se al mattino riusciamo a completare molti compiti al lavoro, al pomeriggio l’idea di quello che abbiamo fatto ci sembra un’impresa stoica? A meno che non si faccia parte del piccolo gruppo di persone più produttive il pomeriggio o la sera, la maggior parte di noi, infatti, mano a mano che la giornata lavorativa scorre perde la concentrazione.
 

Oltre alla normale stanchezza accumulata di ora in ora, a far diminuire la produttività dei dipendenti ci si mettono riunioni infinite, accavallamento di compiti, cambi repentini e gli inevitabili imprevisti. Se per questi ultimi non c’è molto da fare, possiamo invece agire sul carburante del corpo umano, ossia l’alimentazione. Molti studi hanno dimostrato come l’innalzamento glicemico che ha luogo dopo i pasti sia collegato a migliori prestazioni mentali nelle ore successive. Il merito è dell’acetilcolina, un neurotrasmettitore collegato alla memoria e all’apprendimento.
 

Per rimanere produttivi dobbiamo quindi imparare a seguire un’alimentazione sana ed equilibrata. Ed è più facile di quanto pensiamo.

Il modo migliore per non perdere la concentrazione è non saltare mai la colazione: al mattino appena svegli il corpo va ricaricato di energia per avere maggiori capacità cognitive e di memorizzazione. Un buon bicchiere di acqua, meglio se con limone, reidrata il nostro corpo e aiuta a eliminare le tossine; il caffè, invece, migliora le prestazioni intellettive. Accanto all’assunzione di liquidi al mattino dobbiamo aggiungere quella di carboidrati come cereali o fette biscottate con marmellata.
 

Per il pranzo, potendo, l’ideale sarebbe prepararci i nostri piatti a casa, così da essere certi di mangiare piatti non troppo conditi con sale e olio. Si può iniziare con un piatto di verdure miste o un’insalata e poi proseguire con un piatto a base di carboidrati (che aiutano a mantenere alto il livello di energia).
 

Durante il giorno è bene fare degli spuntini, non solo per dare una carica aggiuntiva di energia al nostro cervello, ma anche come scusa per staccare dal lavoro e ritrovare concentrazione. L’importante è che gli spuntini siano sani: quindi via libera frutta fresca o secca (ma in quantità moderata) o anche cioccolato fondente che favorisce il rilascio di dopamina, ormone in grado di accrescere l’energia, la motivazione e la positività.
 

Infine, ricordiamoci che il carburante più importante per rimanere produttivi al lavoro è l’acqua. Ogni giorno dovremmo bere un litro e mezzo o due di acqua e non solo durante i pasti, ma a piccoli sorsi tutto il giorno. Se ricordarsi di bere è difficile, proviamo a lasciare un bicchiere sulla scrivania che ci ricordi di bere oppure possiamo impostare una sveglia una volta all’ora.

Iscriviti alla Newsletter: