Si parla spesso di benessere ma, di solito, lo facciamo in relazione alla nostra vita privata. Ci dimentichiamo troppo spesso del ruolo che il nostro lavoro ha all’interno del meccanismo di costruzione del nostro stato di welfare.

Un grosso sbaglio perché, come dimostrato da molte classifiche e analisi, le aziende più efficienti - ossia quelle di maggiore successo - sono quelle con il miglior clima aziendale. Basta un rapido sguardo alla classifica dei Great Place to Work e ai commenti lasciati dagli impiegati delle aziende per accorgersi dello stretto legame tra questi due elementi.

Cos’è il benessere organizzativo?

Il benessere organizzativo è la somma di tanti piccoli aspetti che, nel loro complesso, contribuiscono a garantire un’esperienza piacevole al lavoro. Il concetto comprende tutti gli elementi fisici e mentali che possono influire sulla salute dei lavoratori.

 

Come rendere i dipendenti più produttivi e sereni: 5 benefit innovativi

 

Usando altre parole, il benessere organizzativo è la capacità delle aziende di promuovere e mantenere il benessere fisico, psicologico e sociale dei propri lavoratori. Tanto più una persona sente di appartenere a un’organizzazione - condividendone valori, visione e linguaggio - tanto più troverà motivazione e significato in ciò che fa.

Per tenere monitorato il livello di benessere all’interno della propria azienda, è opportuno controllare costantemente alcuni indicatori:

  • Lavoro di squadra

I tuoi dipendenti devono sentirsi parte di un team che lavora insieme per raggiungere l’obiettivo comune;

  • Entusiasmo

Fai ciò che ti piace e non lavorerai nemmeno un giorno. Un impiegato entusiasta lavorerà più volentieri creando un clima aziendale maggiormente propositivo;

  • Equilibrio

È importante promuovere il raggiungimento di un equilibrio tra vita privata e vita lavorativa;

  • Fiducia

I tuoi dipendenti devono fidarsi e credere nei loro superiori, devono sentirsi liberi di esprimere le proprie opinioni e manifestare situazioni di difficoltà o problemi;

  • Soddisfazione

È la risposta affettiva dell’impiegato nei confronti del proprio lavoro. Più è alto il livello di soddisfazione dei tuoi dipendenti, minore sarà il turnover nella tua azienda;

  • Assenteismo

Secondo un sondaggio dell’Agenzia Europea per la sicurezza e la salute sul lavoro sei persone su dieci pensano che lo stress da lavoro sia causato da relazioni conflittuali in azienda. La soluzione? L’assenteismo. Se i tuoi dipendenti non si presentano o preferiscono lavorare da remoto, probabilmente c’è qualcosa nel clima aziendale che non funziona.

  • Performance

I tuoi dipendenti sono lenti e poco produttivi? È probabile che non siano sufficientemente motivati o felici del loro posto di lavoro;

  • Regole

I lavoratori più soddisfatti seguono più facilmente le regole: non le vivono, infatti, come un peso calato dall’alto, bensì come una serie di norme per convivere civilmente e serenamente in un clima aziendale positivo.

Il valore economico della felicità

C’è una frase di Richard Branson, fondatore di Virgin, che riassume al meglio il motivo per cui è fondamentale investire nel benessere organizzativo: Prenditi cura dei tuoi dipendenti e loro si prenderanno cura dei tuoi clienti.

Sì, perché migliorare il livello di benessere del tuo personale permette di aumentare la loro produttività e di conseguenza di far crescere il tuo business sempre di più, giorno dopo giorno.

Avere dipendenti felici vuol dire non solo essere circondati da persone più profittevoli, ma - come abbiamo già anticipato - anche più coinvolte e affezionate alla tua azienda, quindi meno disposte ad andarsene. E si sa che il ricambio frequente del personale ha un costo molto elevato.

Aumentare la produttività è un tema imprescindibile per ogni impresa, anche per le PMI, che in Italia rappresentano la maggioranza della realtà imprenditoriale. Ma come fare senza avere a disposizione i grandi budget delle multinazionali?

Smart working

Permettere ai tuoi dipendenti di lavorare da casa un giorno alla settimana o al mese oppure ridurre l’orario del venerdì… Sono tanti i modi per offrire più tempo che, si sa, è uno dei riconoscimenti preferiti dai lavoratori (oltre allo stipendio, ovviamente!).

Investi in formazione

Corsi di aggiornamento, lezioni di lingua od ottenimento di certificazioni, sono modi validissimi per aumentare il livello di soddisfazione dei lavoratori. È possibile investire in formazione tramite piattaforme online, ma anche attraverso corsi di specializzazione esterni.

Allestisci un’area relax

Non serve tanto, bastano un paio di divani, qualche snack e bibita e magari un tavolo da ping pong o un biliardino: lasciare ai tuoi dipendenti la possibilità di svagarsi non solo aumenta la loro felicità, ma permette anche di creare un’atmosfera più rilassata. Inoltre, l’area break permette l’interazione anche tra persone di reparti diversi e questo può tradursi anche nella nascita di nuove idee.

Fornisci feedback

Non c’è niente di peggio per un dipendente del non sapere cosa pensi del suo lavoro. Organizzare veloci incontri per confrontarsi, ringraziare, fare i complimenti o anche per aggiustare il tiro è il modo migliore per creare sinergia.

Festeggia i risultati

Un nuovo cliente, un obiettivo raggiunto, un risultato eccezionale: sono tutte occasioni da celebrare con un discorso, una mail o ancora meglio un brindisi o una cena. È bello condividere tutti i successi sia internamenti nei reparti sia trasversalmente in modo da rendere ogni persona parte integrante del successo aziendale.

Questi sono solo alcuni dei modi per incrementare il benessere aziendale e rendere i tuoi dipendenti felici grazie ad un clima sano. Prova a confrontarti con i lavoratori e scopri la ricchezza del dialogo: da qui potranno nascere tante idee innovative e creative che potrebbero migliorare la quotidianità del lavoro.

 

Benefit_aziendali_innovativi_blu

Iscriviti alla Newsletter: