Bere acqua durante il giorno è indispensabile per la nostra salute e per il benessere del nostro corpo. Ci aiuta a depurarci dalle tossine in eccesso, a migliorare l’idratazione e l’ossigenazione dei tessuti.

Ma attenzione: non aiuta solo a livello fisico, ma anche psichico. Rimanere disidratati a lungo, infatti, può andare ad influire negativamente sulla nostra produttività.


Ecco perché è importante assicurarsi la giusta dose di idratazione quotidiana, soprattutto sul posto di lavoro, dove si passa la maggior parte delle ore. Molto spesso capita però che, un po’ per pigrizia e un po’ per mancanza di tempo, ci si dimentichi a casa l’acqua da bere in ufficio. In questi casi averla a disposizione gratuitamente al lavoro sarebbe l’ideale. Da questo non ne trarrebbero vantaggio soltanto il lavoratore e il datore di lavoro, ma porterebbe le persone a ridurre lo spreco di plastica e di conseguenza, a rispettare l’ambiente.

Soluzioni per l’acqua da bere in ufficio

Adottare l’acqua come benefit aziendale potrebbe essere un’idea molto conveniente per i lavoratori e per l’impresa stessa. Ma quali sono le soluzioni per l’acqua da bere in ufficio nel rispetto dell’ambiente? Ce ne sono diverse tra cui poter scegliere, però è bene escludere fin da subito tutte quelle che risultano particolarmente dispendiose e inquinanti.

Partiamo dalle bottigliette d’acqua. Sicuramente sono comode e molto utili, ad esempio durante dei meeting, ma fornirle per tutti i lavoratori potrebbe avere un costo elevato. Anche perché il più delle volte capita che non vengano bevute interamente e che siano dimenticate in giro per l’ufficio. Così si finisce per acquistarne di più rispetto a quelle consumate. Uno spreco (di acqua e di plastica) del genere al giorno d’oggi non è più ammesso!

Soluzioni più pratiche per le attività d’ufficio quotidiane sono sicuramente gli erogatori a boccione e a rete idrica che, nel rispetto dell’ambiente, vanno a ridurre il consumo di acqua e di materiali non biodegradabili come la plastica. Vediamo insieme come!

 

Come avere un'azienda più green. Scarica la checklist gratuita e scoprilo!

 

Erogatori a boccione

Rispetto alle bottigliette di plastica, gli erogatori a boccione sono una proposta più comoda e vantaggiosa sotto diversi punti di vista. In questo caso il consumo di plastica e di acqua viene ridotto notevolmente. Il boccione può essere di diversi materiali, e anche se fosse in plastica, quella impiegata sarebbe lo stesso in minor quantità rispetto a quella utilizzata per le bottigliette. E poi, considerando il risparmio di acqua, essa viene consumata solo in caso di vera necessità, non come nel caso delle bottigliette, che vengono sprecate e buttate anche senza essere state bevute del tutto. Altra cosa, grazie al rifornimento programmato (che si calcola facendo la media dei consumi), è possibile sapere quando è necessario il rifornimento oppure no.

Vi è, inoltre, un risparmio di tempo e di denaro. Gli unici costi da mettere in preventivo sono legati all’acquisto e all’installazione dell’erogatore e al rifornimento d'acqua. Non sono previsti lavori idraulici, serve solo una presa della corrente per far funzionare l'erogatore stesso. Le spese di manutenzione sono pari a zero, anche perché l’acqua non ha bisogno di sistemi di microfiltraggio. È, però, opportuno controllare periodicamente l’erogatore per garantirne sempre la qualità.

A questo proposito, non c’è neppure da dubitare sulla qualità dell’acqua del boccione. Può, infatti, essere imbottigliata acqua di sorgente, che è buona e fresca come quella della bottiglietta. Ovviamente il tutto dipende dal fornitore che si andrà a scegliere. Un buon consiglio è di affidarsi a chi realmente sappia garantire freschezza e qualità dell’acqua da un lato e rispetto dell’ambiente (con conseguente risparmio di plastica) dall’altro.

Erogatori a rete idrica

Altra soluzione possibile per l’acqua da bere in ufficio sono gli erogatori a rete idrica. Molto convenienti da un punto di vista ambientale, perché anche in questo caso il risparmio di plastica e acqua è garantito. Per monitorare i consumi, ad esempio, viene applicato sull’erogatore un contalitri. Ma a differenza degli erogatori a boccione, quelli a rete idrica necessitano di un lavoro idraulico per l’installazione del prodotto e di una manutenzione periodica per la sostituzione dei filtri (indispensabili per la sanificazione dell’acqua da possibili impurità).

Concludendo

Negli ultimi anni, l’attenzione ai temi legati all’ambiente e al risparmio di materiali non biodegradabili è sempre più forte. Per la salvaguardia del nostro pianeta, è necessario adottare soluzioni sempre più ecologiche e investire su materiali riciclabili. Anche l’acqua è un elemento fondamentale per la nostra sopravvivenza, quindi non dobbiamo assolutamente sprecarla. L’uso di bottigliette in plastica anche in ufficio non è essenziale, favorisce solo maggior inquinamento e problemi nello smaltimento. Gli erogatori a boccione e quelli a rete idrica sono le soluzioni ideali per aziende e lavoratori; sono, inoltre, un esempio pratico di come si può realmente risparmiare su plastica e acqua, mantenendo ugualmente qualità e freschezza del prodotto.

azienda green

 

Iscriviti alla Newsletter: